Betlemme

Betlemme si adagia con le sue abitazioni in pietra bianca e rosata su due colline del sistema montuoso della Giudea, i cui versanti con alture e terrazze un tempo erano ricoperti di vigne, fichi , mandorli, melograni ed olivi. La popolazione è formata di cristiani e musulmani. L` assistenza religiosa e sociale è in  particolare opera delle Case Religiose e degli Istituti di beneficenza europei che abbondano nel luogo.  Si può visitare la Basilica della Natività, la grotta è stata resa sacra dala nascita del Bambino Gesù. Nel 325 sorse la grandiosa basilica  che meglio conosciamo con le scoperte del 1934 fatte sotto il pavimento attuale.Nel 540 fu restaurata la basilica dopo  molti incendi, ma l` architetto trasformò completamente la pianta, in modo che l` edificio prese essenzialmente la forma architettonica che si conserva nei nostri giorni. Grotta della Natività,le due scale, discendono verso la Grotta conducono propri dinanzi  alla` altare della Natività sotto il quale una stella d` argento porta incisa questa iscrizione latina: Hic de Virgine Marta Jesus Christus natus est. Cappelle sotteranee, all` estremità della grotta, dalla parte opposta all` ingresso, si accede ad un corridoio da loro scavato nella roccia alcuni secoli fa. Le pareti furono rinforzate o rifatte, come le pitture del sogno di s. Giuseppe, della Vergine e delle sante Paola ed Eustochio. Le sepolture in     questegrotte mostrano il desiderio degli antichi cristiani di essere sepelliti preo il luogo santo , confermano la tradizione della nascita del Signore nella grotta vicina. Chiesa di s. Caterina, uscendo dalle grotte si entra nella chiesa si s. Caterina, parrocchia dei latini di Betlemme. Essa fu eretta dai frati minori nel 1882 in sotituzione di altra medievale più piccola. Grotta del latte, è una grotta di forma irregolare , scavata in un calcare bianco e tenero.la leggenda aggiunge che allattando Maria il Pargoletto una goccia del suo latte andò a cadare sulla pietra della caverna, e questa ne divenne improvvisamente tutta bianca. Nei dintorni di Betlemme troviamo: Beit-Sahur,nei dintorni sono state scoperte diverse tombe con materiale del periodo del Bronzo e del Ferro. Herodion di Giabal fureidis - Tecoa - s. Caritone, l` escursione si può fare a piedi o in auto.Monasteri del deserto della Giudea, questi monasteri si trovavano, fino a pochi anni fa, fuori dal mondo, in un deserto intatto e ad essi si arrivava con fatica e gioia spirituale. Oggi è differente, ma ancora si può coglierne lo spirito con escursioni guidate. S. Teodosio (km 10) , da Betlemme si scende verso Est nella piana di Beit-Sahur e risalendo verdo Est, attarverso un terreno ben coltivato, si procede per s. Teodosio o der Dosi. Laura di s. Saba, ( km 16 da Betlemme) da s. Teodosio si scende in direzione Est seguendo ininterrottamente  il crinale della montagna da cui per lungo tratto si gode una prospettiva sul Mar Morto, sul deserto di Giuda e sulle montagne di Moab finchè l` attenzione si volge al grande edificio situato sul fianco della valle del Cedron. Muntar e Castellium,a circa km 6,5 a nord, nord-est di s. Saba si erge la collina di Muntar. Sulle sue rovine s. Saba nel 492 elevò la laura detta Castellium che sussistè fino al sec. IX e di cui sono ancora visibili le rovine della chiesa, cisterne, grotte forno ed una sala a volta.Nel 1952 il luogo fu esplorato da una missionescientifica belga che vi ritrovò numerosi manoscritti greci e arabi. S. Eutimio, da Mar Saba si può risalire alle rovine di Khan al Ahmar identificate conil monastero costruito nel 480 da Fidus in sostituzione della laura fondata da s. Eutimio nel 428.da Khan al Ahmar facilmente ci si porta sulla strada Gerusalemme-Gerico.

 

 




Agenzia Viaggi GUIDAVACANZE S.a.s.
Via C.A.Martini, 1 - 38023 Cles (TN) Italy - Tel. +39 0463 423002 Fax +39 0463 424510
Via Brescia, 4 - 38027 Malè (TN) Italy - Tel. +39 0463 900177 Fax +39 0463 900178
Partita IVA: 00994390227
powered by Infonet
[R]